Escursione alle Cinque Torri e alle trincee della Grande Guerra

Descrizione dell’itinerario

La salita alle 5 Torri si può fare a piedi da punti diversi: dal passo Falzarego, ad esempio, oppure dalla stazione a valle della Seggiovia Bain de Dones. In questo caso è possibile anche salire più comodamente con la seggiovia quadriposto carenata (utile per proteggersi da una pioggia improvvisa o vento durante la salita, in caso di tempo incerto). La stazione a monte della seggiovia è il Rifugio Scoiattoli (m. 2.200).

Nell’area si sviluppano le trincee della Grande Guerra, in parte ricostruite e percorribili come Museo all’aperto: dei pannelli descrittivi in tre lingue illustrano al visitatore tutto il percorso.

Il percorso è realizzato ripristinando trincee, camminamenti, punti di osservazione, e con l’allestimento di scene di guerra con figure umane in vetroresina ad altezza reale.

Il panorama è stupendo e vasto. Vista ravvicinata sui Lastoi de Formìn, Averau, Nuvolau. Verso sud-est, anche la Valle del Boite, con Antelao, gruppo del Sorapìss, Croda Marcora.

Verso Nord, superba vista su Lagazuoi e Tofane; tra questi si ergono le torri delle Cime di Fanes.

L’escursione in sintesi

Hai apprezzato la descrizione di questa escursione? La redazione di questi testi, l’elaborazione delle foto e la verifica dei toponimi, delle quote, dei dislivelli costa molto tempo, perché desideriamo darti un servizio che ti permetta di godere delle Dolomiti saltando la fatica di cercare le informazioni. Ma abbiamo fatto anche di più: abbiamo riassunto in una scheda tecnica le informazioni essenziali: partenza, arrivo, dislivello, tempi, difficoltà, numeri dei sentieri, cartografia, indicazioni per portare i bambini, mappe con le indicazioni dove arrivare con l’auto. Per visionare questa scheda ti chiediamo di registrarti: è gratuito e ti costa solo condividere la tua email. Grazie!


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *